header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Books arrow Alda Teodorani - Incubi
Alda Teodorani - Incubi PDF Stampa
Scritto da Fabio Nardini   
sabato 04 agosto 2007

2005, Halley editrice

pag.117, euro 8

 

Da molti anni, Alda Teodorani lavora a ritagliarsi un proprio spazio nell’ambito della letteratura di genere in Italia. Uso volutamente, e non per pigrizia,  un’espressione sommaria come “letteratura di genere” in quanto Alda Teodorani si è sempre mossa sul confine tra horror, noir, erotico, fantascienza ecc.; e non tanto nel senso che abbia usato formule narrative diverse nei suoi romanzi, quanto nel senso che tutta la sua produzione è scarsamente definibile in termini di genere. Non è una caratteristica peculiare della Teodorani, se non fosse per un accentuato sperimentalismo, un sistematico stravolgimento delle convenzioni, una ricerca continua di nuovi mezzi espressivi. [...]

Sceneggiatrice di fumetti, autrice di CD letterario-musicali (ultimo “Quindici desideri”, una raccolta di raffinati brani erotici letti dalla stessa autrice), Alda Teodorani non ha esitato a fare di se stessa una sorta di icona letteraria, la “dark lady” del noir made in Italy. Lungi dal condizionarla dal punto di vista artistico, questa maschera (e chiunque la conosca di persona ha avuto modo di apprezzare la differenza tra la “signora delle torture” e la squisita e quasi timida persona che la Teodorani è realmente) le ha permesso di giocare creativamente con gli stereotipi dell’horror. Merito di una robusta capacità di scrittura e di un’inventività che non si lascia ingabbiare nelle formule di genere.

Questa linea di spiazzamento rispetto alle convenzioni del noir ha la massima espressioni in Incubi, il suo ultimo lavoro, un breve testo (chiamarlo romanzo sarebbe già un’imprecisione) al quale è davvero difficile dare un collocazione narrativa. Le prime cose che vengono in mente sono certe composizioni di matrice surrealista o pre-surrealista (penso a Breton, a de Nerval); testi nei quali il tessuto del reale sembra essersi totalmente piegato alla dittatura della soggettiva di un personaggio. Oppure, forse, ai deragliamenti dei migliori film di Lynch.

Incubi ha un incipit assolutamente piano: “Oggi è  finito un amore” leggiamo nella primissima riga.

Potrebbe essere semplicemente un abile trucco per creare un climax: dalla normalità all’orrore. Ma già due righe dopo, un accenno a “migliaia di lucertole” che passano sui vetri rigati di pioggia spiazza non poco il lettore. Le lucertole non hanno alcuna spiegazione: sono lì, come un dato naturale, come la pioggia, come il barbone in strada. Ancora una volta, potrebbe trattarsi soltanto di un espediente per preparare meglio il successivo sviluppo narrativo, ma non è così. In Incubi, semplicemente, non c’è sviluppo narrativo. La costruzione a diario non serve a creare tensione. Incubi è un diario, e basta. Ma diario di che?

Di una malattia mentale? Di una mente allucinata o intossicata?

Difficile dirlo, perché la vita della protagonista sembra del tutto normale: passa attraverso le stagioni, l’estate va al mare, in Agosto va in vacanza presso la famiglia, a Settembre torna in città. Non ci sono cadute in  qualche inferno personale (droga o pazzia), nessun tipo di eccessi, nessuna involuzione. Allora, di cosa ci parla Incubi?

Non è facile rispondere.

Si potrebbe dire che Incubi è un reportage sulla realtà dei primi anni del nuovo millennio, vista in uno specchio deformante (come sembra suggerire l’illustrazione di copertina); tutto quello che accade ogni giorno è lì, banalmente in bella vista ma distorto e piegato in modo da rivelare una sua possibile essenza. Così, la gita in spiaggia della protagonista diventa un’escursione in un universo dantesco eppure familiare, tra nudità e cellulari accesi, dove un cadavere nel bagnasciuga, oggetto delle morbose attenzioni dei bagnanti, offre il pretesto per una riflessione sulla necrofilia della società dell’immagine.

E’ evidente quanto questo tipo di letteratura sia lontana da un’immediata fruibilità per il lettore: che quasi di sicuro non si sentirà appagato dalla lettura di Incubi. Dopotutto, vorremmo sapere chi è l'autrice del diario, perché vede le cose che vede, e se si tratta di realtà o di illusione e di che tipo di illusione e dove la porteranno le sue allucinazioni. Domande alle quali la Teodorani non può rispondere, prima di tutto perché l’anonima redattrice del diario è un suo alter ego.

La mancanza di risposte è la causa prima del disagio che si prova leggendo questo libro – e anche del suo fascino.

 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg