header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 utente online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Music arrow Josh Roseman New Constellations - LIVE
Josh Roseman New Constellations - LIVE PDF Stampa
Scritto da Vortex   
giovedě 13 settembre 2007
Enja Record Street Date: 4 Settembre 2007 Pochi artisti riescono ad attraversare generi musicali diversi senza perdere il proprio stile sia strumentale che compositivo-ARKESTRALE che li identifica,( a Don Byron è successo) Uno di questi è sicuramente Josh Roseman trombonista con d.n.a. Jamaicano nato nei dintorni di Boston e spostatosi giovanissimo a New York. In pochi anni ,dotato di un talento evidente, collabora con i migliori musicisti Jazz e non solo della Grande Mela diventando membro della M-Base di Greg Osby e Steve Coleman. L'elenco dei progetti ai quali, negli anni a seguire ha collaborato è vastissimo. Ma per dare l'idea del continuo movimento mentale che lo divora eccone un rapido elenco:

josh_roseman_live.jpg

l'Ensamble di Oliver Lake (World Saxophone Quartet), Groove Collective (con Fabio Morgera, trombettista napoletano spostatosi da anni a New York), Don Byron ( Blaxploitation project), Roswelll Rudd e Steve Turre (altri due trombonisti importanti) e soprattutto  Robin Eubanks ( il divino) che lo porterà  nella Dave Holland Big Band dove affina  tecnica di arrangiamento dei brani e di improvvisazione. Appare nel primo cd di Sherill Crow e in quello dei Roots , Medesky e Martin, Charlie Hunter, Samo Solomon, Cibo Matto e Joe Zorn. Nel primo cd della San Francisco JazzCollective di Joshua Redman ( progetto ambizioso) e nell'ultimo della poli strumentista Meshell Ndegeocello.

 In tutto questo periodo di “avvolgimento sonoro”dove elementi acustici si intersecano con sonorità più elettroniche riesce a elaborare uno stile personalissimo che esploderà nel 2002, all'uscita del primo lavoro come JRU -“Cherry” ( con Lester Bowie alla tromba) disco di cover pop ( Beatles, King Krimson , Nirvana) e nel 2004 , con uno dei dischi in assoluto più interessanti e creativi degli ultimi anni l'acidoTreats for the Nightwalker”.

josh_roseman_nightwalker.jpg

Distribuiti entranbi dalla  Enja Records le tracce sono consigliatissime per chi ha necessità di esplorazioni sonore contaminate e di personalità musicali con idee innovative ( nell'insolita introduzione del booklet  di “Treats of the NightwalkerRoseman parla del jazz come di una musica proveniente da un pianeta sconosciuto, lontano mille galassie e abitato da extraterrestri “neri” che comunicano fra loro attraverso le vibrazioni...Sun Ra docet ?).Cresciuto da  adolescente ascoltando Bob Marley, Stevie Wonder, Isley Brothers  ma soprattutto Don Drummond (trombonista ska degli Skatalites  deceduto in manicomio a 37 anni nel 1969 dopo aver commesso un omicidio e a cui il disco è dedicato) in questo nuovo cd  Josh Roseman rielabora vecchie incisioni del nucleo originale del gruppo (Tommy McCook e Rolando Alphonso) tentando di ridare al suono una “  visione” moderna , conservando il rispetto per “l' identità culturale jamaicana” che oramai le composizioni  nel tempo si sono conquistate  (le incisioni originali sono della metà degli anni 60).

Il cd è un live inciso a Vienna nel 2005 al Birdland di Joe Zawinul (la big band in cielo si allarga..) ne hanno ritardato l'uscita  problemi con la distrubuzione Americana.
La band certo non  è all'altezza dei musicisti presenti nel precedente progetto e le improvvisazioni sia di Peter Apfelbaum (sax tenore!!! e organo) che del trombettista Ambrose Akinmusire non saranno ricordate nei corsi di improvvisazione ma nonostante questo il cd si ascolta piacevolmente e con interesse.

Sicuramente un progetto di transizione aspettando in futuro altre vibrazioni più comunicative.

.

Ultimo aggiornamento ( giovedě 13 settembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg