header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Teatro arrow UN TECNOSPETTACOLO MANDALICO. I Racconti del Mandala visti da Silvana Vassallo
UN TECNOSPETTACOLO MANDALICO. I Racconti del Mandala visti da Silvana Vassallo PDF Stampa
Scritto da Anna Maria Monteverdi   
mercoledì 19 dicembre 2007

I racconti del Mandala.

Un tecnospettacolo multimediale tra archetipi mandalici e leggende post-human 

E’ un reading particolare quello cui si assiste durante I racconti del Mandala, una “concert’azione scenica per voce e data suit”, come recita il sottotitolo, che ruota attorno alla forte presenza scenica della bravissima cantante e performer Francesca Della Monica potenziata nella sua vocalità e gestualità da un “abito” tecnologico, un datasuit dotato di sensori che la connettono in svariati modi alla partitura sonora del compositore elettronico e sound designer Mauro Lupone, e alle suggesive scenografie video realizzate dal videomaker Theo Eshetu in collaborazione con Samuele Malfatti.

 

 Utilizzare il dispositivo tecnologico del datasuit in scena è un’ esperienza estremamente innovativa nel panorama italiano, se si escludono pochi precedenti, tra cui va ricordato l’Ubu incatenato della compagnia Fortebraccio Teatro, dove l’esoscheletro indossato dall’attore protagonista Roberto Latini contribuisce efficacemente a declinare in chiave attuale le tematiche del ruolo dell’attore come marionetta e del rapporto libertà-schiavitù contenute nel testo dei primi del novecento di Alfred Jarry. In comune con l’Ubu incatenato, I racconti del Mandala propongono un utilizzo della tecnologia che non si risolve in una spettacolarità fine a se stessa,  ma che diviene parte integrante della drammaturgia.

La protesi tecnologia indossata dalla cyber-performer Fracesca Della Monica genera flussi audiovisuali e ne potenzia le già di per sé straordinarie doti vocali, consentendole di ampliare la sua tessitura fonetica e di dar voce, “incarnarsi” in personaggi diversi - uomo, donna, ermafrodito, narratrice, cantante – in sintonia con un testo drammaturgico incentrato su storie di trasformazioni e di metamorfosi.

L’autore dei racconti, il drammaturgo Andrea Balzola, si è ispirato alla complessa simbologia del mandala (in sanscrito mandala significa cerchio magico), figura archetipica riscontrabile  sia nella cultura orientale che in quella occidentale quale rappresentazionie simbolica  dell’universo spazio-temporale e del suo processo di creazione. Il mandala è anche associato a processi  di ricerca identitaria, di immagini mentali e oniriche che guidano l’essere verso il proprio centro, contro la dispersione e la frammentazione del sé. Nel corso della narrazione dei Racconti del Mandala suggestioni mitologiche si intrecciano con tematiche legate alla contemporaneità, dispiegandosi in storie labirintiche che attraversano luoghi e tempi diversi e che confluiscono nelle vicende che vedono come protagonisti il bambino-uomo Karl e la principessa nera Riza.

Karl è un bambino metropolitano, che acquisisce poteri particolari mangiando una mandorla magica e che conquista il titolo di “King of the North” dopo aver superato tutte le prove di un cybergame proibito e pericoloso, che lo imprigiona per anni nel mondo virtuale della rete. Riza è una principessa africana discendente da una sacerdotessa per metà donna e per metà coccodrillo, che dopo essere stata rapita da bracconieri bianchi viene venduta a una banda criminale che gestisce il racket internazionale della prostituzione.

Dall’incontro di Karl e Riza nasce un essere ibrido con attributi in parte animali, in parte umani e in parte divini, un ermafrodito in cui tutte le differenze coesistono in una sintesi degli opposti. Corpi. volti e paesaggi evocati dalla voce (ma sarebbe meglio dire dalle voci) narrante vengono restituiti in immagini video che non illustrano didascalicamente le vicende ma ne forniscono un contrappunto visivo dai cromatismi intensi ed espressionistici che contribuisce assieme alla partitura elettronica  a creare una dimensione sospesa, onirica e fiabesca. Non sempre risultano chiare le modalità attraverso cui si innescano le interazioni sulla scena, e questo a tratti può disorientare. Ma ciò nulla toglie alle suggestioni derivanti dall’orchestrazione complessiva dello spettacolo, che immaginificamente allude alla condizione post-umana in cui stiamo vivendo, all’incessante processo di ri-negoziazione dei confini tra naturale e artificiale, alle trasformazioni del corpo ad opera dell’ingegneria genetica e delle protesi tecnologiche.

Sono problematiche che aprono scenari inquietanti, ma che possono generare anche nuove forme di consapevolezza e  nuove occasioni di espressione creativa.Lo spettacolo, presentato in anteprima assoluta al Teatro Civico di La Spezia il 7 dicembre, vanta un’originale formula produttiva, frutto della collaborazione della compagnia Verdasto /della Monica con XLABfactory, una piattaforma di creazione digitale diretta da Andrea Balzola, studioso di estetica dei nuovi media, Mauro Lupone, compositore elettronico e Anna Maria Monteverdi, studiosa di teatro digitale, che hanno pionieristicamente inserito nei programmi di studi delle Accademie e nelle Università dove collaborano da molti anni discipline legate alla “digital performance”.

XLABfactory risponde alle sfide dell’innovazione mediatica che da decenni sta trasformando la nostra società e le pratiche artistiche, cercando di coniugare tre momenti imprescindibili di una cultura artistica immersa nel presente, memore del passato e proiettata del futuro: formazione, ricerca, produzione. Il collettivo  ha all’attivo diversi progetti scenici che hanno visto coinvolti numerosi artisti teatrali e tecnologici, tra cui Andrea Cosentino, Emanuela Villagrossi, Massimo Verdastro, Giacomom Verde e Andrea Brogi.Il debutto di I Racconti del mandala è stato preceduto da un laboratorio tenuto dai membri di XLAB, indirizzato agli studenti delle Scuole Medie superiori e incentrato sulle tecniche dell’interactive stage design e sulle potenzialità espressive dei sistemi interattivi per la messinscena teatrale, con uno sguardo alle più interessanti produzioni tecnoteatrali internazionali. 

Silvana Vassallo 

 

I RACCONTI DEL MANDALA

Concert’azione scenica per voce e datasuit 

Con FRANCESCA DELLA MONICAA cura di MAURO LUPONE Ipertesto e Drammaturgia: ANDREA BALZOLA ; Musica, Sound design e Interazione audio MAURO LUPONE ; Video: THEO ESHETU con la collaborazione di SAMUELE MALFATTI ; con la partecipazione di ANDREA CARABELLI, MARION D'AMBURGO, CATERINA DE REGIBUS, MASSIMO VERDASTRO , Costumi: MARION D'AMBURGO ; Responsabile Tecnico Audio: GIANLUCA CAVALLINI ; Coordinamento, Logistica e Documentazione: ANNA MARIA MONTEVERDI ; Organizzazione e Promozione: SILVIA CALI'   

Ultimo aggiornamento ( venerdì 04 gennaio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg