header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Teatro arrow ARIA FESTIVAL alla SPEZIA: ovvero, se non ci siete andati non vi siete persi niente
ARIA FESTIVAL alla SPEZIA: ovvero, se non ci siete andati non vi siete persi niente PDF Stampa
Scritto da Anna Maria Monteverdi   
martedì 01 gennaio 2008

ARIA FESTIVAL-festival di teatro di strada e simili, di cui non se ne sentiva affatto il bisogno, è stato pubblicizzato così agli spezzini : “Venite perché è gratis”.

Certo, è tutto da dimostrare cosa c'azzecchi questo Festival -diretto da Leonardo Pischedda e tirato fuori dal cilindro all'ultimo minuto- con la città, salvo la questione della gratuità (pare) anche per il Comune che lo ospitava. A parte che sarei curiosissima di sapere questo "tutto gratis" da dove venga veramente fuori. Nel senso che l'impressione, a naso, è che nessuno ci andrà a rimettere... e anche che non c'è alcun eroe del capodanno spezzino e soprattutto non c'è alcun benefattore. "Ma se è gratis, stai lì a vedere? Ci andranno tutti!".

In realtà non mi sembra che l'evento sia stato alla fine poi così popolare, nel senso che l'impressione è che non abbia affatto attirato quell'orda di persone che forse lassù al Palazzo o alla Baia del silenzio si immaginavano. Poteva andare diversamente? Dove sono andati a finire i bei ragionamenti di una volta sulla "vocazione" di un territorio, sulla cultura come emanazione di un luogo ed espressione collettiva? Non ci sono altre idee in città?Tutto qui l'investimento sulla cultura? E' questo il grande evento su cui puntare da qui all'eternità? C'è qualcuno là fuori che si sente rappresentato da questo Festival? A quando un bel dibattito sul riordino della cultura in città? 

Ebbene, dentro questo Festival di cui fino a 5 minuti prima dell’inizio nessuno aveva capito di cosa si trattasse, oltre alle giocolerie, omino sul filo, clown e c., c’era anche una performance. Perché? Cosa c’incastrava? La performance-installazione di Michela Lucenti (gratis… che non è indicazione di valore di per sé…) nome di spicco nel panorama della danza contemporanea, iniziava con una visione di una danzatrice coniglietta un po’ personaggio da fiaba collodiana che imperava dall’alto di uno scalone e con una frusta fatta di rami dopo risate e gesti incomprensibili conduceva gli spettatori-asinelli a una seconda stanza -aula (siamo in una scuola).

Qua una Michela Lucenti ispirata, con i rami-capelli iniziava una danza fisica, di una malinconia contrita di colore bauschiano, come una mater dolorosa in mezzo a terra umida fino a quando veniva trasportata come in un bara da due uomini elegantemente vestiti che saranno i protagonisti dell’ultima scena nella terza stanza-aula danzando in un passo a due avvolgente, mentre alle loro spalle viene mandato un video in cui al ralenti loro stessi avanzano da lontano appena fuori da una galleria con un albero in mano. Poi scrivono su una lavagna frasi non sense che invitano a leggere. La performance è raffinata soprattutto nell’aspetto della danza e ricca di echi attuali e suggestioni arcaiche: la canoviana metamorfosi di Dafne in lauro, le danze  sacre a cerchio, la simbologia connessa con l’albero: la rigenerazione, le ramificazioni verso l’alto e verso il basso a significare tensione spirituale e insieme legami solidi ed estirpazioni violente per guerre o migrazioni forzate.

In tutto questo i quadri di Mirko Baricchi, collocati come mattonelle nella seconda aula, dalle mitologie quotidiane, immaginari fabulistici con sedie e conigli dal colore marrone scuro, conducono in realtà a territori di senso completamente diversi da quelli evocati dalla danza della Lucenti e ahimé non funzionano affatto come scenografia.

Lo stesso vale per il video realizzato dal collettivo Uovo quadrato. Di grande impatto se considerato come installazione a se stante, collocato come fondale scenografico perde di forza e di significato.  Si tratta di “rinforzini” che deviano dall’operazione principale che è chiaramente la danza che da sola grazie alla coreografia della Lucenti, ha la capacità di far immaginare un luogo dove il terrifico evento ultimo e la dolce nascita delle CREATURE si riuniscono.

A volte per concedere al pubblico effetti visivi d’impatto, per riempire “vuoti” insomma, si sommano linguaggi indiscriminatamente ma tutti noi, abituati da tempo a operazioni di mixed media performance sappiamo quanto possa essere “rischioso” e difficile da gestire a livello registico un ambiente visivo e video che attira di per sé lo sguardo del pubblico.

Questo non è un assemblage, né  un combine painting, o un happening: è uno spettacolo di danza e la presenza sia pur un po’ appiccicata di altri linguaggi non ne cambia comunque la natura, come suggerisce  invece erroneamente il biglietto di sala (“installazione/performance”). Paradossalmente, la danza con la sua fisicità accentuata, oscura il video e la pittura. Dunque queste potevano anche non esserci. Credo che in questo caso sia lecito domandarsi se non ci sia un clamoroso  errore di regia: il problema non è né il senso del lavoro (il contenuto, se vogliamo) né la coreografia né gli elementi singoli che si sovrapponevano alla danza (funzionali magari in un contesto intermediale differente, in una situazione espositiva altra dove lo spettacolo diventa traccia, “tutto quello che rimane”). Il problema era a mio modesto avviso, la mancata concertazione dei linguaggi anche quelli della tecnica.

 Inutile chiedersi perché una raffinata coreografa come la Lucenti, un grande nome, si faccia affiancare in queste ultime produzioni nell’ideazione e nella regia dal giovane direttore del festival ARIA, Leonardo Pischedda con scarso curriculum artistico ma dal  grande cognome e dal grande budget.

Ma il gioco vale la candela? Vale la pena cioè rischiare di sentirsi dire della propria dignitosissima operazione artistica (questa o altre): “Beh, in fondo era gratis”?

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 02 gennaio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg