header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 visitatore online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Cinema arrow La CITTA' NUDA-Intervista a CARLO RODA
La CITTA' NUDA-Intervista a CARLO RODA PDF Stampa
Scritto da Andrea Campanella   
luned́ 24 marzo 2008

Carlo Roda è uno dei più grandi collezionisti di film in pellicola. Ha dedicato tutta la sua vita al cinema. Ricordo di averlo incontrato per la prima volta a 16 anni, nell'ambito di una rassegna musicale in cui vidi per la prima volta Help e A hard days night dei Beatles, diretti da Richard Lester, nonché Stage, l'introvabile documentario del tour di David Bowie del 1978. Negli anni Carlo ha dato vita ad un numero imprecisato di iniziative cinematografiche, ed ha curato programmazioni in sale storiche.Credo di poter affermare che una città ( che non possiede un cinema comunale) dove si sceglie di fare a meno di persone come Carlo sia una città avviata verso l'imbarbarimento culturale. 

 “Prima di rispondere alle domande, permettimi alcune considerazioni: sulla cultura alla Spezia c'è poco da dire; la decadenza culturale di questa città si taglia con il coltello. Non basta qualche piazza pavimentata a nuovo o qualche museo in più per accrescere il livello culturale. Come dicono i giovani: non succede mai niente. Non c'è più dibattito culturale, nessun convegno o seminario. Non si parla più, non si discute di cultura, e tutto questo non è solo colpa degli amministratori degli ultimi dieci anni (almeno), ma anche della popolazione (dei giovani soprattutto), che non ha più alcuno spirito di dibattito, di confronto, di curiosità verso nuove forme di comunicazione. Vedo molta indifferenza, anche solo rispetto a dieci anni fa”.

pellicola.jpg

Tempo fa è venuto da me un documentarista, Tòmas, che mi ha chiesto di parlare di te. Mi sono detto, " questo è un grande!" e mi sono messo a disposizione. Ci vuoi parlare di questo progetto?

Due anni fa un gruppo di studenti del corso di fotografia e cinema dell'Università Napier di Edimburgo chiese ospitalità al Parco delle 5 Terre per girare un cortometraggio. Siamo entrati in contatto, e parlando di cinema rimasero colpiti dal racconto di come è nato l'Archivio del Film, e di come siamo riusciti a raccogliere oltre 2000 film in pellicola nell'arco di vent'anni. Questo tipo di esperienza (ahimé) è esclusivamente italiana, perché all'estero gli Archivi e le Cineteche funzionano davvero, non come in Italia dove i privati devono sopperire alla salvezza e al recupero di tanti film, anche nazionali. Tòmas Sheridan, un italo-inglese, è il regista che, rimasto colpito dal progetto, ha deciso di realizzare un cortometraggio intitolato L'archivio dei sogni per descrivere questa peculiare esperienza.


Mi pare ci sia un rinnovato interesse per il tuo lavoro, soprattutto da parte dei giovani. Come interpreti questo segnale?

Non c'è un nuovo interesse verso il cinema, e a Spezia men che meno. La realtà è senz'altro diversa in città, dove la cultura è sostenuta e incoraggiata. Qui non frega niente a nessuno. Per questo motivo non realizzerò più nessuna iniziativa alla Spezia.

lattuadabis.jpg

Tu sei sempre stato un punto di riferimento per chi amava il cinema. progressivamente la tua presenza si è fatta quasi scomoda, ci spieghi perchè?

Nell'arco di trent'anni abbiamo accompagnato la diffusione della cultura cinematografica in questa città, con i film dei grandi autori dal muto ai giorni nostri, e sono tantissimi che ancora oggi si ricordano le rassegne del Cinema Candor a Mazzetta. Non è che oggi la mia presenza si sia fatta scomoda, è che in questa città chi cerca di fare qualcosa, da solo, sembra dare fastidio a chi pensa che solo le istituzioni debbano fare cultura (magari male, o per giustificare il lauto stipendio di assessori e funzionari vari). I risultati, desolanti, sono sotto gli occhi di tutti i cittadini. Ma oramai di tutto questo mi interessa poco o nulla, perchè oggi il nostro lavoro è riconosciuto in Italia: abbiamo collaborazioni con i comuni di Modena, di Milano, etc., e in Europa ci vengono richiesti film italiani per rassegne e manifestazioni internazionali. Il Centro Culturale Pompidou di Parigi, ad esempio, ci ha chiesto una copia di Porcile di Pasolin, e la Cinemathéque (il più grande archivio cinematografico del mondo) ci ha chiesto film di Alberto Lattuada.

porcile.jpg

Tu lavori con l'Italia intera, ma non riesci a vedere il tuo lavoro riconosciuto dove vivi ( sei in buona compagnia). Come vivi questa situazione?

Del nostro lavoro non è mai importato molto ad assessori o amministratori vari, né del Comune, né della Provincia, né della Regione. Ci ricolleghiamo alla risposta precedente.

L'apertura di un Megacine credo sia stato uno degli eventi luttuosi della cultura spezzina. Personalmente non ci ho messo mai piede e mai ce lo metterò, poichè penso che nulla abbia a che fare con il cinema propriamente inteso. Eppure l'amministrazione ha detto che questo è il futuro!

L'apertura del Megacine ha portato alla chiusura di quasi tutti i cinema della città, com'era prevedibile. Solo gli amministratori che l'hanno avallata, di concerto con la Camera di Commercio, fanno finta di non vedere la desolazione del centro città dopo le 20. Si vede normalmente, anche come conseguenza della chiusura delle sale del centro. D'altra parte, è inutile negare che il grosso del pubblico preferisce il Megacine e i suoi film.

keaton.jpg


Nel cinema Garibaldi avevi investito molto, soprattutto in termini di energie ed entusiasmo, continuavi nella vera attività di Cineforum, riproponendo Tarkovskij, Godard, Burton d'annata e molto molto altro. Proprio ora che si è dimostrato il fallimento delle multisale e c'è un ritorno al cinema propriamente inteso, nutri qualche speranza?

Nel cinema Garibaldi, una delle ultime sale storiche che eravamo riusciti a riaprire, ho messo molte energie personali e fisiche, ma chiaramente, quando tutti i film che escono vengono programmati al Megacine, è difficile andare avanti: pagare l'affitto, le bollette, etc. Non abbiamo trovato nessuno che desse un contributo per le spese (e pensare che si trattava di soli 20 mila euro all'anno), per tenere vivo uno spazio dove poter fare anche altri tipi di attività. Né il Comune, né la Provincia, né la Regione hanno mostrato interesse.

Nota dell'intervistatore: da uomo di cultura, posso sottoscrivere in toto le affermazioni di Carlo, in quanto vissute in prima persona, per le attività di Cut-Up , (non ultima la poco edificante vicenda legata al video dedicato al campione Bruno Visintin). Lo slogan di un politico locale, ora sindaco, recitava: Liberiamo le nostre energie (riferite alla città). Stiamo ancora aspettando.


Ultimo aggiornamento ( marted́ 25 marzo 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg