header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 visitatore online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Cinema arrow The abandoned
The abandoned PDF Stampa
Scritto da Fabio Nardini   
marted́ 08 aprile 2008

Nacho Cerda

Tha Abandoned

Con Anastasia Hille e Karel Roden

 

Già da qualche anno il cinema dell’orrore di origine ispanica ha conosciuto un buon successo di pubblico e critica; basti pensare ai film di Balaguero (Darkness, Nameless, Fragile), solo per fare un nome. Nacho Cerda (1969), che vive e risiede a Barcellona, ha tutte le carte in regola per diventare un nuovo regista di punta del genere horror. I suoi cortometraggi (Awakening, Aftermath) sono dei gioiellini di abilità registica, unita a un gusto provocatorio mai fine a se stesso. Proprio l’estrema ricercatezza formale, e il ripudio delle caratteristiche che vanno per la maggiore nel cinema horror contemporaneo (citazionismo, violenza esasperata, ricerca del trash), hanno segnalato Cerda tra i cultori del genere.

Molta attesa, dunque, per il suo primo lungometraggio,  questo The abandoned, basato su un’idea di Karim Hussein, poi rielaborata dallo stesso Cerda insieme a Richard Stanley (il regista di “Hardware”)

Marie è una donna sui quarant’anni, americana di origine russe, ritorna nella sua terra di origine perché ha ereditato una fattoria, abbandonata da moltissimi anni, in una regione sperduta del paese. La donna si fa accompagnare sul posto da una guida, che scompare improvvisamente dopo averla lasciata da sola, di notte, nel bosco in prossimità della casa. In un crescendo di tensione, Marie raggiunge l’edificio in rovina e vi incontra un uomo che dichiara di essere suo fratello gemello. Ma all’interno della casa vi sono anche altre presenze, orridi fantasmi che appaiono come i doppi dei due protagonisti.

Anche al più sprovveduto spettatore la pellicola sembrerà una summa del cinema horror degli ultimi cinquant’anni; ed è esattamente così. Ma  il regista evita con estremo rigore qualunque strizzatine d’occhio allo spettatore e racconta la sua storia come se fosse nuova di zecca: si capisce che quello che lo interessa non è il gusto ironico del ripescaggio quanto la ricerca delle radici del genere (anche se qualcuno ha voluto riconoscere, forse a ragione, una diretta citazione di un film di Fulci). E The abandoned tocca tutti, o quasi, i topoi classici dell’orrore. La Casa, il Bosco, la Notte, il Doppio, il Fantasma, il Labirinto vengono messi in scena con una freschezza che sorprende per una materia tanto usurata. Merito della preziosità formale, classica e ricercata, del regista spagnolo (e della bella fotografia di Xavi Giménez, quello di Darkness e Fragile). L’operazione è esteticamente simile a quella già condotta con Aftermath: in quel cortometraggio una storia “estrema” di necrofilia (quanto più estrema si possa immaginare…) veniva filmata con tutti i canoni del cinema classico, con un contrasto così stridente tra la forma e il contenuto da far pensare che fosse proprio quello scarto il vero obiettivo del film. Qui la differenza è tra l’accumularsi continuo di riferimenti alla tradizione fantastico-orrorifica e lo sguardo pulito, rigoroso e tagliente della macchina da presa.

E’ difficile dire dove possa portare un cinema come quello di Cerda, facilmente accusabile di formalismo e autocompiacimento intellettualistico (come non pensare al James di Giro di vite di fronte al continuo proliferare di doppi che attraversa tutto il film?); certo è che con tutto il suo classicismo, The abandoned appare come un meteorite calato nel panorama del cinema horror contemporaneo, un piccolo gioiello di angoscia e disturbo.

Il film, purtroppo, è ancora inedito in Italia. Ma su Emule esiste una versione sottotitolata (male) in italiano.

 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg