header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 visitatore online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Cinema arrow Il Mercante di Venezia
Il Mercante di Venezia PDF Stampa
Scritto da Susanna Raule   
mercoledì 01 agosto 2007
Di Michael Radford, con Al Pacino, Jeremy Irons, Joseph Fiennes, Lynn Collins.

Vorrei sapere chi ha convinto Joseph Fiennes che i ruoli in costume gli si addicono. Vorrei sapere chi l’ha persuaso che UN QUALSIASI RUOLO gli si addica. Credo che la sua interpretazione di Bassanio, in questo Mercante di Venezia di Radford, verrà ricordata come una delle più deludenti mai viste su schermo.
E dire che Shakespeare dovrebbe essere ormai un abitué del rigirio nella tomba. E’ probabile che i suoi vicini di fossa si lamentino del continuo rumore e che, battendo con la tibia contro la parete, strillino: “Insomma, signor Guglielmo, qui c’è gente a cui il sonno l’hanno promesso ETERNO!”
Insomma, ormai l’avrete capito, questo Mercante di Venezia non mi ha particolarmente conquistato.
Gli attori interpretano le loro parti in modo tremendo – con l’unica, ovvia, eccezione di Pacino. Ogni parola, ogni frase, ogni periodo che Shakespeare ha scritto diventano nelle loro bocche piatti e privi di intonazione. Gli intermezzi brillanti vengono distrutti, masticati come fossero chewing-gum.
Io credo, in generale – e non sono l’unica a pensarlo - che quando si recita una tragedia cinquecentesca, scritta in una lingua cinquecentesca, si dovrebbe andare dietro al senso o andare dietro alla musicalità, e non tentare di stare dietro all’uno e all’altra, sfociando in una via di mezzo mediocre. D’altronde la scelta della mediocrità sembra quella che Radford ha preso in ogni circostanza. [...]
Il ritmo della pellicola si sfalda cercando il mezzo tra i tempi teatrali, più calmi e regolari, e quelli cinematografici, per forza più serrati. E si appesantisce. E tra la filologia e la didascalia lo spettatore resta un po’ spiazzato: un contesto o lo ricrei o lo spieghi, non puoi fare un po’ l’uno e un po’ l’altro.
Da notare, infine, che ben poco della tragedia originale è stato tagliato, con la sgradevole eccezione di una delle scene più amate da sempre, quel “In una sera come questa, credo che Troilo salisse sulle mura di Troia e in un sospiro lanciasse il core verso le tende greche dove Cressida quella notte giaceva…” dell’inizio dell’Atto Quinto, che in ogni caso sarebbe stato deturpato dalle espressioni bovine di Charlie Cox (Lorenzo) e Zuleikha Robinson (Jessica).
In mezzo a tanto squallore (anche Jeremy Irons delude, in un’interpretazione di Antonio senza infamia e senza lode) rifulge l’unica stella di Al Pacino, furente, feroce e autenticamente in linea con il suo personaggio.
L’ebreo Shylock, simbolo stesso dell’avarizia e dell’inesorabilità, ha sempre esercitato una forte attrazione sui massimi attori di tutti i tempi, e Pacino ben compete, regalandoci l’ennesima prova da Oscar.
E l’unico motivo per sedersi in sala.
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg