header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 visitatore online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Fantascienza arrow China Miéville, La città delle navi
China Miéville, La città delle navi PDF Stampa
Scritto da Fabio Nardini   
giovedì 02 agosto 2007

T.o. The Scar, 2002

Trad. di Elisa Villa

2004 Fanuccci Editore, pag. 663, euro 18.50

 

Di China Mieville il lettore italiano ha già avuto modo di apprezzare Perdido Streeet Station, insolito esempio di fantasy urbana e modernizzante. Questo La città delle navi è presentato come il “seguito” di Perdido Street Station, ma in realtà si tratta di un romanzo autonomo che col precedente ha in comune soltanto l’ambientazione (e qualche esile filo narrativo, per altro del tutto inessenziale per la comprensione della storia). Anche La città delle navi, infatti, è collocato nel Bas-Lag, un mondo del tutto estraneo al nostro (questa mancanza di rapporti con l’universo che conosciamo è una delle caratteristiche strutturali della fantasy), con una propria storia e con leggi fisiche del tutto peculiari. [...]

Bellis Coldwine è in fuga da New Crobuzon , la labirintica metropoli protagonista di Perdido street station; si imbarca su una nave destinata a una lontana colonia ma durante il viaggio il battello viene assalito dai pirati e tutti i passeggeri, catturati, sono condotti ad Armada, una singolare città galleggiante di imbarcazioni riadattate. Armada accoglie benevolmente i sequestrati ma non permette loro di tornare nella patria di origine. Benché costretta a fuggire, Bellis continua a rimanere indissolubilmente legata a New Crobuzon, e la fedeltà alla sua vecchi città sarà una delle molle narrative del romanzo, intrecciandosi con i disegni degli altri protagonisti e soprattutto con un piano segreto che sembra animare tutta l’attività di Armada.

C’è da dire che il rischio di una Perdido street station 2 – un rischio tutt’altro che da sottovalutare, anche considerate certe similarità con il primo romanzo – è completamente fugato dall’autore soltanto nel finale; per buona parte della storia, il paragone con il precedente romanzo è inevitabile e non giova all’apprezzamento de La città delle navi come composizione autonoma. Un peccato, perché questa seconda prova di China Mieville conferma pienamente che l’autore è una delle voci più interessanti della science-fantasy (o comunque vi venga in mente di denominare il genere al quale appartengono questi romanzi) d’oggi, pienamente capace di edificare mondi complessi e coerenti (il Bas-Lag è, in assoluto, una delle migliori grandi costruzioni della fantasia letteraria degli ultimi 20-30 anni), personaggi affascinanti, storie articolate e credibili.

 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg