header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 utente online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Fantascienza arrow China Mièville UN REGNO D'OMBRA
China Mièville UN REGNO D'OMBRA PDF Stampa
Scritto da Fabio Nardini   
mercoledì 29 aprile 2009

 

Tit. orig. King Rat, traduz. Di Nello Giugliano, 2009, Fanucci editore 
 
China Miéville è sicuramente il maggior talento emerso nel campo della letteratura fantastica nel corso degli ultimi dieci anni. Con il ciclo di New Crobuzon ha rivoluzionato la fantasy, rendendo interessante e innovativo uno dei generi letterari più ammuffiti che popolano gli scaffali delle librerie. Questo Un regno d’ombra è il suo primo romanzo, e considerato che è stato scritto prima dei ventisei anni riesce già a dare un’idea del talento del suo autore.

 

 Per prima cosa, Un regno d’ombra scompiglia allegramente tutti i generi codificati: fantasy, grottesco, horror, noir, fiabe, tutto si rimescola e si sovrappone. L’ambientazione è rigorosamente urbana, prevalentemente notturna. Certo, la lezione del Gaiman di Nessun dove pesa non poco sul giovane Mièville, ma l’amalgama è condotto con abilità e la storia ha un piglio narrativo robusto, da scrittore collaudato. Poi, e questa è un’altra particolarità, il romanzo fantastico viene contaminato da altri elementi culturali (in questo caso soprattutto l’ambiente della musica jungle) e da un serie di riferimenti alla realtà, anche politica, della metropoli inglese degli anni Novanta.

Saul Garamond è un ragazzo qualunque, che una sera come tante altre rientra a casa del padre e se va a letto senza svegliare il suo vecchio. La mattina viene fermato dalla polizia, che ha ritrovato il cadavere del padre sul prato sottostante l’abitazione; viene trattenuto e interrogato, sospettato dell’omicidio, ma questo è solo l’inizio dell’incubo, per Saul, perché a liberarlo interviene una ripugnante creatura – il Re Ratto – che lo conduce a scoprire una Londra fantastica, nella quale si aggira la sinistra sagoma del Pifferaio di Hamelin.

Il mito del Pifferaio è stato reinventato da Mièville in modo quanto mai originale: il suo suonatore di flauto è un essere capace di incantare tutte le creature viventi semplicemente cambiando melodia, ma è anche un assassino psicopatico dotato di una forza mostruosa. Gli si oppone un litigioso terzetto di  strane figure - Re Ratto, Loplop, signore degli uccelli, Anansi il re dei ragni - ma il vero avversario del terribile pifferaio sarà proprio il nostro antieroe, che lo affronterà in un finale pirotecnico, sul quale (ovviamente) non dirò nulla.

Insomma, se avete letto Perdido street station e ne siete rimasti affascinati, Un regno d’ombra è il vostro libro. Se poi, sfortunatamente, non conoscete ancora il mondo di New Crobuzon, allora questa è l’occasione giusta per entrare in contatto con il Tolkien delle metropoli globalizzate.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 30 aprile 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg