header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 4 visitatori online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Books arrow Simone Sarasso Settanta
Simone Sarasso Settanta PDF Stampa
Scritto da Susanna Raule   
sabato 30 maggio 2009
settanta.jpg.jpg

Marsilio, pp. 693, E. 21.50

 

È possibile raccontare un decennioin un romanzo, per quanto sia ponderoso e per quanto sia compressa lascrittura? La risposta non può essere altro che no, è evidente.

Se poi il decennio in questione èquello che va dal ’70 all’80 del XX secolo – i cosiddetti Ani di Piombo –l’impresa è praticamente impossibile. In prima istanza perché, al di là ditutto, degli anni ’70 non ci ha capito un cazzo nessuno. L’idea predominantedell’uomo della strada è che nei ’70 sia successo di tutto, ma quasi nientealla luce del sole: colpi di stato, logge massoniche, bombe rosse e bombenere,  attentati di mafia, Brigate Rossee Servizi deviati, politici sequestrati, magistrati ostacolati… insomma,mancavano solo i nani e le ballerine (un maligno potrebbe dire che quelli sonoarrivati più tardi).

Quindi, benissimo, uno non puòmettersi lì è descrivere gli anni ’70. Sarebbe, semplicemente, idiota.

E che Simone Sarasso ci tiene anon fare un romanzo idiota si vede.

L’ambizione non gli manca, questosia chiaro. Quello che Sarasso vuole fare è ambizioso proprio perché non èidiota: Sarasso vuole creare una sorta di ’70 Experience, darci l’impressionedegli anni ’70 senza raccontarceli mai davvero, farci sentire gli odori, isapori, l’atmosfera. Ovviamente senza mai accollarsi la responsabilità di dire:il Golpe Borghese ci fu nel dicembre del 1970 e vi presero parte…

Ecco, se vi aspettate undocumentario sui ’70 in forma scritta, cambiate canale.

A Sarasso non piacciono le rotturedi ciglioni, quindi non vi aspettate di trovarci i nomi che dovrebbero esserci.Non c’è nessun Andreotti, non c’è nessun Saragat, non c’è nessun Moro. Ci sonoaltri nomi, o altri soprannomi.

Quindi, ecco, spero di esserestata chiara. Vi ho spiegato quello che in questo libro non c’è. Oraparliamo di quello che c’è.

C’è uno stile di scrittura veloce,potente, incalzante. C’è uno che pasa da un registro all’altro come se fossesulle montagne russe, che scrive in tutti i dialetti, che va veloce come untreno e non ha voglia di far perdere tempo a nessuno. Il lettore deve fare solouna cosa: allacciarsi la cintura e iniziare a farsi portare.

C’è l’ammiccamento a quellaletteratura e a quel cinema pulp che proprio nei ’70 avevano avuto la loroepoca di splendore, ma filtrati attraverso lo sguardo di altri autori e dialtri cineasti, questi dei ’90, che hanno ripreso, trasformato, reinventato.

Per questo Settanta è un po’ unlibro sulla politica italiana, un po’ un lavoro etnografico e un po’ Le iene diQuentin Tarantino. Un po’ è Gomorra, ma molto di più è Joe R. Lansdale.

Il filo conduttore saranno le vitedi quattro uomini: un professionista della rapina, un attore di filmpoliziotteschi, un magistrato e un agente dei Servizi deviati.

In un turbinio di comprimari,esplosioni, rapine, tradimenti, difficoltà, arresti, rilasci, minacce, indaginie ancora qualche esplosione, i nostri quattro dovranno fare quello che facciamotutti: tirare avanti, combinare qualcosa, cercare di lasciare la propriatraccia nel mondo.

 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg