header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Music arrow PECORA - Le patrie balere
PECORA - Le patrie balere PDF Stampa
Scritto da Massimo Sandal   
domenica 22 novembre 2009

Dizlexiqa/Salterò 2009

pecora.jpgHa avuto -giudicando da una ricerca su Google- sorprendemente poca pubblicità il primo EP dei Pecora, formazione milano-catanese. Cosa strana, perchè i Pecora sono tra gli ultimi a tenere in mano la fiaccola del punk-post-punk all'italiana, quel mix di surrealismo e ritratto sociopolitico assolutamente peninsulare, che parte dai CCCP , attraversa tra gli altri gruppi ingiustamente dimenticati come i torinesi Cracsi Acidi dei primi '90 (a proposito, se qualcuno sa come trovare copie del loro materiale, mi scriva!) e oggi è tenuta in piedi, con risultati altalenanti, da Marta sui Tubi. I Pecora tengono in mano questa tradizione con alcune delle inevitabili ingenuità di un esordio, ma anche una rinnovatissima dignità: cinque pezzi/tazebao abrasivi, ossessivi, obliqui.

Suonando a volte come una versione pop dei Big Black (L'erba voglio) , a volte come una versione blues dei Faust (Benedetto) , altre ancora come gli El Guapo sotto Serenase (Il qualcosologo), i Pecora mantengono quell'ammirevole coerenza stilistica capace di guardare ovunque che è il marchio del talento. Batteria rigorosamente ossessiva, la voce recitante filastrocche cospirazioniste (“l'erba voglio cresce bene/in chi ha investito in cherosene”) , i Pecora proiettano in musica e parole una distopia orwelliana dove ogni cosa è maschera di qualcos'altro, dove linee ad angolo retto si incrociano a formare triangoli impossibili.

Il principale problema dell'esordio dei Pecora è forse nella sua timidezza: musicalmente e soprattutto nei testi possono osare assolutamente di più. La promessa della loro grandezza -e il loro manifesto- è infatti l'ultimo brano dell'ep, una cover perfetta e totalmente trasfigurata di Reality Asylum/The Sound of Free Speech dei Crass, una colonna sonora di gelida desolazione postindustriale dove la voce recitante femminile, ghiacciata, splendida, si fa strada come un carroarmato: “Warfare / warfare / warfare / warfare...” . La missione dei Pecora è ricordarci ogni giorno che perfino i sorrisi di Obama sono ancora illuminati dall'alba di Hiroshima.


http://www.myspace.com/pecorapecora

Ultimo aggiornamento ( domenica 22 novembre 2009 )
 
Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg