header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 visitatore online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Fantascienza arrow Neal Stephenson ANATHEM
Neal Stephenson ANATHEM PDF Stampa
Scritto da Fabio Nardini   
venerd́ 19 novembre 2010
Il nuovo, singolare e affascinante romanzo di uno dei migliori autori di fantascienza degli ultimi vent'anni..

Neal Stephenson

Anathem – Il pellegrino

t. o. Anathem, 2008

trad. di Valentina Ricci

Rizzoli 2010, pag. 643 euro 16

 

Neal Stephenson non è notissimo in Italia, nonostante sia stato uno dei più importanti scrittori di fantascienza degli anni Novanta (suo Snow crash e L’era del diamante, due notevoli romanzi post-cyberpunk). In seguito si è indirizzato al romanzo storico, prima con il monumentale Cryptonomicon, poi con Argento vivo, ambientato nel 1600, tra le colonie americane e l’Inghilterra ancora sconvolta dalla Rivoluzione puritana (è il primo episodio del “ciclo barocco” il cui terzo romanzo, The System of World non è stato ancora tradotto in italiano). Stephenson è uno di quegli autori (non moltissimi per la verità) che fanno seriamente rimpiangere la scomparsa di una critica di fantascienza degna di questo nome, se non altro perché il percorso che lo ha portato dal cyberpunk alla storia europea (in particolare alla storia della nascita del mondo moderno), analizzato con chiarezza, potrebbe dirci qualcosa sulle pulsioni intellettuali di questo inizio secolo.

Ora Stephenson ritorna alla sf; ammesso che Anathem sia fantascienza, e i puristi potrebbero storcere il naso.

Il romanzo è ambientato in un mondo che sembra non avere alcuna relazione con il nostro, caratterizzato da un storia lunga e complessa che si snoda per molti millenni. All’inizio della storia nota di Arbre (questo il nome del mondo nel quale è ambientato Anathem) c’è una separazione, mai più ricomposta nel corso dei secoli, una separazione tra ciò che noi chiameremmo “fede” e “ragione”. Su Arbre questa separazione è originaria, e produce da un lato il proliferare di templi e sette, dall’altro lo sviluppo di un ordine laico di studiosi che trascorre la vita all’interno di luoghi separati, fisicamente isolati dal mondo secolare (chiamati “concenti” almeno nella traduzione italiana). Solo ogni dieci anni, per pochi giorni, il concento apre le sue porte all’esterno (ma ce ne sono altri che si aprono solo una volta ogni cento o ogni mille anni) e gli studiosi si mescolano per breve tempo alla società normale. Il protagonista è un giovane che ha trascorso gli ultimi dieci anni di vita tra le mura di un concento e ora si appresta a celebrare la sua prima uscita nel mondo. Cominciando a leggere siamo letteralmente catapultati all’interno di Arbre; l’espediente più usato da Staphenson è l’innovazione lessicale, che nelle prime pagine (forse ancora nelle prime cento pagine) lascia il lettore un po’ confuso. Ma è un espediente abbastanza comune nella fantascienza e nella fantasy contemporanee, anche se qui è usato in maniera insolitamente massiccia. Ciò che distingue Anathem da altri romanzi del genere è il forte interesse speculativo che sorregge la narrazione; nei concenti di Arbre le dottrine filosofiche della nostra tradizione di pensiero si ritrovano, a volte quasi identiche a volte combinate e scomposte, e il giovane protagonista è abituato a sviscerarle in lunghe discussioni con i suoi maestri e compagni. Ma è l’intero pianeta di Arbre ad essere destinato, man mano che la storia va avanti, a diventare il banco di prova delle più ardite teorie quando una navicella di origini sconosciute viene avvistata ai margini del suo sistema solare.

La scommessa di un testo come Anathem sta tutta, esattamente, in questa dimensione speculativa. Una caratteristica che lo colloca senza ombra di dubbio all’interno della tradizione letteraria di fantascienza (viene subito alla mente il nome di Stanislaw Lem, l’autore di Solaris). Benché l’inizio sia stentato, a volte farraginoso, e anche se per centinaia di pagine non succede praticamente niente, la tensione dell’allegoria intellettuale messa in piedi da Stephenson riesce a tenere incollato il lettore fino all’ultima riga. Di Arbre si apprezzano le differenze rispetto alla nostra storia e alla nostra cultura, e insieme il profondo, forse necessario isomorfismo tra due esperienze di pensiero così lontane tra loro. La comparsa dell’elemento “alieno” (la nave spaziale in avvicinamento) instaura un triangolo singolare che comprende Arbre, i visitatori alieni e noi lettori: chi è l’estraneo, chi ci è familiare in questo gioco, che nel primo volume di Anathem è appena accennato ma che probabilmente nel volume successivo si svilupperà fino in fondo.

Infatti, è da segnalare che l’editore italiano ha pensato bene di suddividere il romanzo, originariamente uscito in un unico volume, in due uscite separate: Anathem – Il pellegrino e Anathem – Il nuovo cielo (che dovrebbe essere uscito a settembre). Lascio ai nostri lettori giudicare il coraggio e la sensatezza di una scelta del genere;  lettori ai quali raccomando in ogni caso di procurarsi entrambi i libri. Ne vale di sicuro la pena.

 

Fabio Nardini

 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg