header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
_______________________
Abbiamo 1 visitatore e 2 utenti online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterTotale visitatori904685

dal 2 Settembre 2007

_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home
La figura di cera – Riccardo D’Anna PDF Stampa
Scritto da Susanna Raule   
martedì 08 marzo 2011
la_figura_di_cera.jpg
Gargoyle, pp. 200, Euro 13,50

Di solito, i sequel mi lasciano freddina. Se a qualche decennio di distanza lo stesso autore dell’opera originale dà alle stampe un altro tomo, mi viene sempre il sospetto che si tratti di una bieca operazione commerciale. Se poi il sequel viene scritto da un altro autore, magari un secolo dopo, la situazione peggiora. Quanti pessimi sequel, prequel e spin-off vari abbiamo dovuto leggere, in vita nostra? Ormai abbiamo grattato il fondo, alcuni filoni sono secchi. Se domani, in libreria, dovessi imbattermi in un “La pronipote di Dracula” non ne resterei particolarmente stupita. 
Ecco, adesso vi spiego perché La figura di cera non è il solito sequel.
Primo: Riccardo D’Anna è un signor scrittore. Uno dei miei preferiti, al momento attuale. È uno di quegli scrittori colti e anticommerciali che di solito, siamo onesti, non scrivono horror. 
Secondo: in effetti, La figura di cera non è un horror. Non più di quanto lo sia il Frankestein di Mary Shelley, per intenderci. Sì, ci sono cose innaturali e via discorrendo, ma avete capito che cosa voglio dire.
Terzo: La figura di cera è il sequel di un oscuro libro di un oscuro scrittore (Il morso sul collo  di Simon Raven) – oscuro nel senso che, almeno il Italia, se lo sono filato ben in pochi. Insomma, non è il classico materiale di partenza per un sequel, un prequel o uno spin-off.
Certo, diranno i più smaliziati, qualsiasi cosa può venir trasformata in un’immonda boiata, non importa quanto sia colto, alto o difficile il punto di partenza. Verissimo, anche se ho l’impressione che non vedremo molto presto il sequel di, non so, Moby Dick. Anche perché, a ben pensarci, i sopravvissuti, in Moby Dick, sono pochini. (Nonostante questo, in rete non mancano i buontemponi  che ci hanno pensato.)
Insomma, il punto di partenza di Riccardo D’Anna era impervio, ben poco commerciale e di modesto appeal per il grande pubblico.
Aggiungiamoci che La figura di cera ha rimandi alti, ha una struttura narrativa volutamente anti-sensazionale e che l’unica scena di sesso è del tutto marginale e, per di più, non viene nemmeno descritta propriamente, e quel che otteniamo è il sequel meno “sequel” che si sia mai visto.
E quindi? direte voi.
Quindi bene, dico io. Bene, perché La figura di cera è un signor libro, che è finito in una collana horror soltanto per uno scherzo del destino e, nel contempo, è un signor horror che, casualmente, è anche un bel libro di narrativa in senso lato.
L’idea di fondo, poi, è originale. Il che, converrete, per un horror non è così scontato (e nemmeno per un libro di narrativa in senso lato). 
Sul risvolto si legge:
“Londra 1958. Una serie di misteriosi suicidi preludono alla riapertura di un caso risolto forse solo in apparenza, denso di preoccupanti e inaspettati sviluppi. 
La scomparsa dalla tomba di una marchesa caduta in disgrazia, da poco defunta fra le mura di un appartamento londinese – donna dall’indiscutibile fascino, musa ispiratrice di D’Annunzio, appassionata di occultismo e interprete dei brillanti riti della belle époque – muove i protagonisti, in una corsa contro il tempo, alla ricerca del suo calco di cera da cui ella avrebbe potuto riattingere vita. 
Dopo un incontro a Venezia con Peggy Guggenheim, i nostri eroi si vedranno costretti a recarsi a Berlino, in una città che mostra ancora le ferite della guerra e dove sopravvivono gli ultimi scampoli di quelle società segrete che furono legate ai presupposti oscuri e alle origini magiche del nazismo.”
Ora vi siete fatti un’idea?
Lo spero. Anche se, certo, per capire del tutto quello che intendo avete un modo solo.
Già. Quello. 
D’altronde, se state leggendo una recensione della Figura di cera, immagino che l’idea di comprarlo vi fosse già venuto, no?
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Ultimi articoli
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
I piu' letti
bannerinside.jpg