header image
NuovoSitoBanner

nuovosito.jpg

Home
Books
Fantascienza
Cinema
Autori
Comics
Music
Televisione
Teatro
Varie
Cut-up flickr
Cut-up YouTube
Collaborazioni
Login
_______________________
Abbiamo 1 utente online
_______________________

Untitled Document
Edizioni
CUT-UP
P.O. BOX 84
Poste Centrali 
19100 - La Spezia

Home arrow Music arrow GARBO - l'intervista
GARBO - l'intervista PDF Stampa
Scritto da Andra Campanella   
giovedě 02 agosto 2007
1) Ciao Garbo, sei uno degli artisti italiani che ha riempito musicalmente la mia giovinezza e quindi a te va tutta la mia stima e riconoscenza. Come nasce Garbo musicista e cantante "dalla voce buia"; mi interessa sapere come riusciti ad avere un contratto EMI e quali erano i tuoi punti di riferimento allora.....

Il ragazzo Garbo intorno i suoi 17-18 anni scrive dei brani che poi diventano provini. Da lì a qualche tempo questi provini finiscono sul tavolo di un discografico incontrato occasionalmente durante una mia seduta in una saletta di registrazione. Lui pensa che il materiale da me prodotto può diventare discografico, lo porta         alla EMI e lì viene stipulato il mio primo contratto. I miei riferimenti musicali arrivavano dall’Europa o da oltre oceano (Lou Reed, Roxy Music, David Bowie, Brian Eno, ecc.).
           
2) Puoi parlarmi dell'esperienza sanremese di "A Berlino va bene" ripetuta qualche tempo dopo con "Radioclima".... la new wave a Sanremo: a proposito che ricordo hai della cosiddetta new wave e quanto ti ci riconoscevi. Quali erano gli autori che amavi di più, per te che cantavi una nuova "Generazione"?

A SanRemo portai prima "Radioclima" e poi "Cose veloci". In realtà fu interessante innestare in un contesto "strano" (nazional-popolare) ciò che fino ad allora non era ancora stato fatto e mi riferisco a quella che tu chiami New Wave, un movimento ideale in cui da Londra a Berlino, Tokyo, Milano, Parigi, ci si riconosceva in un suono nuovo, più elettronico e sperimentale (vedi Gary Numan, Japan, D.Mode...). [...]


3) C'è una canzone a cui sono legato molto che è "Vorrei regnare" con  quella chitarra frippiana e il testo davvero folgorante "vorrei regnare sulle cose che cambiano...i volti" . Trovo ci sia dentro tutta la poetica a te cara del tempo che passa inevitabile e dell'impossibilità di fermare le cose.

Credo che "Vorrei regnare" sia uno dei primi brani new wave italiani e come dici tu, racchiude tematiche che ho spesso toccato anche se in modi diversi. Di fatto mi sembra però che nel nostro paese c’è sempre una certa riluttanza nei confronti della sperimentazione e dei cambiamenti.
           
4) In quel periodo giovani come me ascoltavano Bowie, John Foxx, Cabaret Voltaire, Clock DVA, Japan etc etc. Come era la scena italiana nella quale ti muovevi (di italiano io ascoltavo Faust'O, i Krisma, Diaframma, Gaznevada e poco altro)?

Riallacciandomi a quanto detto prima l’Italia è un paese per tradizione conservatore ed allora ecco che la scena musicale "più innovativa" era rappresentata dai nomi che tu hai citato e con i quali ho condiviso un periodo musicalmente e non solo davvero stimolante e nuovo (alcuni di loro sono tuttora amici).
           
5) Un'altro pezzo chiave è "Quanti hanni hai?" incisa con Antonella Ruggiero prima e rielaborata poi su Fotografie. Me ne vuoi parlare?

Una canzone a volte nasce in un unico gesto perché forse era già scritta dentro di me. Per "Quanti anni hai?" è stato così. Mentre ci occupavamo della produzione ho pensato di desiderare la presenza di  una voce femminile per sottolinearne il contenuto e l’ho chiesto all’amica Antonella Ruggiero che stimo molto, lei accettò e il brano fu completato. Successivamente, per la pubblicazione della raccolta "Fotografie", volli realizzarne una versione più personale, sperimentale ed intimistica.
           
6) "Il fiume" non era un disco "facile", molto personale, intimo forse meno immediato ma più profondo. Ci fu poi il cambio di casa discografica... un momento di transizione, come lo ricordi?
Manifesti mi sembrava un lavoro non riuscito appieno, forse alla Polygram non avevi gli spazi che cercavi?

Gli album "Il fiume" e "Manifesti" rappresentano per me un  momento di grande importanza musicale e non solo. C’è da parte mia un approfondimento e allargamento di prospettive musicali, in sostanza una maturazione che mi porta a realizzare del materiale più complesso e forse meno fruibile dall’ascoltatore abituale.
Dall’altra parte (quella discografica) anche il desiderio di essere  più autonomo nelle mie scelte produttive. Da qui la decisione di etichette discografiche indipendenti.
           
7) Ti ho ritrovato con "1.6.9" lavoro per Kindergarten molto più fresco e riuscito, così come "Grandi giorni" davvero un gran disco! E poi c'è stata la parentesi del video con i Delta V di "quanti anni hai?"

Dopo aver raggiunto più controllo sulla mia cretività e sulla mia autonomia espressiva ho cercato progressivamente di tornare alla forma "canzone" con il desiderio di comunicare agli altri cercando di farmi maggiormente comprendere sia nel suono generale che nella parola. Contemporaneamente il desiderio di allargare le mie collaborazioni, vedi per esempio la mia partecipazione all’album ed al video del gruppo Delta V.
           
8) Arriviamo a "Strade Blu" un disco importante credo, ancora per  una etichetta indipendente la Mescal, iperattiva e di successo (basti pensare a Subsonica e Afterhours). Come è nato questo ultimo lavoro? Le canzoni sono una più bella dell'altra: personalmente "your love" e la conclusiva "una sera infinita" danno i brividi. La voce mantiene una grande importanza, calda e magnetica come sempre.

"Blu" ritengo sia il punto d’arrivo di ciò che ti ho descritto fino ad ora. Rappresenta per me l’equilibrio di ciò che volevo raccontare e come vorrei arrivasse a chi lo ascolta. Questo album nasce nell’arco di 1 anno e mezzo di lavoro compositivo e produttivo, di collaborazioni con artisti e musicisti amici.
Racconta di una lunga interminabile sera con dentro personaggi, storie e angolazioni di me. Racconta di passioni, di sogni di amarezze, come la vita.
           
9)Per concludere: Chi è il Garbo di oggi, qual'è la musica che lo interessa e che percorrerà?

La musica che m’interessa è quella che oggi voglio dare su qualche palco tra le persone e da lì nascerà anche quella che mi  piacerà comunicare domani… oggi questo è Garbo…
 
< Prec.   Pros. >
Nuovo Sito
nuovosito.jpg
Annunci
IWRITE
Un nuovo laboratorio di scrittura a Pisa, con Giampaolo Simi, Rosella Postorino e Fabio Genovesi. Scrittori che scalpitate, esordienti che sarete famosi, che aspettate??
Leggi tutto...
 
A Reggio Emilia la Nuova Scuola Internazionale dei Comics
A REGGIO EMILIA La NUOVA SCUOLA INTERNAZIONALE DEI COMICS

Dopo le recenti inagurazioni delle sedi di Torino e Padova, ad arricchire l'offerta trentennale della Scuola Internazionale di Comics ci penserà la neonata sede di Reggio Emilia. A partire dall'autunno 2008, infatti, inizeranno le lezioni presso la sede nel centro storico del capoluogo

Leggi tutto...
 
ATTILIO MICHELUZZI-nuovo volume di Black Velvet
Dopo i volumi "Magnus. Pirata dell'immaginario" e "De Luca. Il disegno
pensiero", è in distribuzione in questi giorni un altro volume della collana
di saggi che, attraverso l'analisi di importanti studiosi, fornisce una
rappresentazione a tutto tondo dell'opera di alcuni tra i più importanti
autori del fumetto italiano. Questa volta è il turno di Attilio Micheluzzi,
con un volume curato da Luca Boschi e dallo staff organizzativo della
manifestazione Napoli Comicon. Tale libro verrà presentato da Sergio
Brancato, prof. di Sociologia della Comunicazione, Andrea Micheluzzi, figlio
dell'autore, e da alino, curatore della mostra a Castel Sant'Elmo il giorno
8 giugno alle ore 19.00 presso la Fnac di Napoli (via Luca Giordano 59; tel.
081.2201000)
Leggi tutto...
 
PONTIAC

pontiac.jpg

 

 

 

Da lunedì 19 maggio è on line

il primo audiolibro del collettivo Wu Ming.

Un album con 12 tracce, in formato .mp3, suonate e composte da Federico

Oppi, Paul Pieretto, Stefano Pilia, Egle Sommacal. Le voci che interpretano i

testi sono di Wu Ming 2, Daniele Bergonzi & Andrea Giovannucci (aka La

Compagnia Fantasma).

Leggi tutto...
 
bannerinside.jpg